News

27 gennaio 2021

La memoria del corpo

La memoria del corpo Che cos’è la memoria al di la del 27 gennaio in cui ogni anno si riporta giustamente l’attenzione su un fatto catastrofico della storia umana per non dimenticare.… La memoria è un modo naturale per salvare l’esperienza e proteggerci per il futuro; va per questo celebrata sempre, ogni giorno soprattutto in questo tempo in cui tutto è fugace effimero e non tracciabile. Difendiamo le tradizioni i nostri anziani e sosteniamo tutti coloro che lavorano per conservare il ricordo di azioni esemplari senza malinconie o indugi nostalgici. La terra conserva, tramanda e riaffiora in superficie tracce dal pleistocene esempio ne sono i sassi pieni di conchiglie che passeggiando sull’Appennino Bolognese si possono incontrare a terra o sulle pareti di roccia! Il qi qong ci offre la consapevolezza del corpo che mantiene una memoria straordinaria nel bene e nel male; corpo che molto spesso non ascoltiamo perchè non abbiamo tempo o ci potrebbe risultare scomodo… I taumi le paure i grandi dolori e le ferite del corpo e dell’anima lasciano una memoria importante  che se vogliamo osservare parla costantemente dandoci segnali di possibile guarigione o semplice coscienza. La tradizione taoista ci ha tramandato alcune pratiche di lunga vita alcune delle quali sono più specifiche per lavorare proprio sulla memoria in particolare guardare al passato e lasciarlo andare, lasciare andare le emozioni, i nostri desideri. Svuotare il cuore dai desideri ci ridona pace e serenità distacco e non attaccamento per conquistare libertà ogni giorno nel pensiero e nel movimento. Guardarci indietro senza paura è fonte di benessere e ci consente di celebrare la vita mantenendo saldezza ed equilibrio per procedere in quiete nel presente ottimizzando l’esperienza nostra o dei nostri antenati (indietro= elemento profondo, lo yin, oscuro e nero come il mare, nascosto, il passato, il luogo della non coscienza, l’elemento acqua, la paura difensiva o paralizzante).

Il 4° movimento dei Ba duan jin “Otto pezzi di broccato”- MANTENERE LA POSIZIONE e GUARDARE INDIETRO Tratta le 5 ferite e le sette emozioni. Wǔláoqīshāng xiànghòu qiáo (五劳七伤向后瞧, Il gufo saggio guarda all’indietro) (letteralmente: guardare all’indietro i cinque organi interni – cuore, fegato, milza, polmoni e reni – e i sette effetti negativi – eccesso di cibo, rabbia, umidità, freddo, preoccupazioni, vento e pioggia e la paura). L’insegnamento è guardare al passato per lasciarlo andare con le sue emozioni, ed i nostri desideri.

I desideri si trasformano in fatiche, sofferenze (dette tassazioni) grazie a decisioni prese in passato; le Sette Ferite si riferiscono ai sette sentimenti (dette sette ingiurie).

Le Cinque Tassazioni sono gli eccessi relative agli organi Zang:

l’eccesso di stare in piedi danneggia i reni

l’eccesso di camminare danneggia il fegato

l’eccesso di stare seduti danneggia la milza

l’eccesso di stare sdraiati danneggia il polmone

rimuginare sullo stesso pensiero danneggia il cuore.

Le sette ferite sono:

• LA GIOIA eccessiva che incide sul cuore; disperde l’energia verso l’alto e ciò nuoce ai tre focolari.

• LA COLLERA che fa salire l’energia verso la testa e nuoce al fegato.

• L’INQUIETUDINE eccessiva che concentra l’energia al centro e nuoce alla milza.

• L’OSSESSIONE che incide sul milza e cuore.

• LA TRISTEZZA che disperde l’energia verso l’esterno e ciò nuoce al polmone.

• LA PAURA che fa scendere (cadere) l’energia nella parte bassa del corpo e ciò nuoce ai reni.

• LO SPAVENTO (il terrore) che perturba l’energia e ciò nuoce al cuore.

I desideri e le emozioni sono fonte di attaccamento, rigidità, sofferenza e insoddisfazione vanno accolti e lasciati fluire affinché tutto si trasformi in qualcos’altro. La pratica uno strumento indispensabile per questo lavoro quotidiano costante e di pulizia profonda che ci illumina e ci rende migliori a noi stessi ed agli altri a noi vicini e lontani.

Memoria dunque non sempre come “trattenere” ma anche e soprattutto “lasciare andare” per ascoltare e coltivare spazi vuoti!

Buone pratiche e buona giornata della memoria celebrata anche in modo taoista!

La giada e il vento

Fb e IG lagiadaeilvento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *